LA DICHIARAZIONE DI MANNHEIM SULL’ECONOMIA SOCIALE

Il vertice europeo sull’economia sociale (#EUSES) è stato organizzato dalla città di Mannheim in collaborazione con la Commissione europea e con il sostegno del ministero federale tedesco per la famiglia, gli anziani, le donne e la gioventù. L’evento ha riunito più di 3.000 partecipanti in rappresentanza della ricca diversità dell’economia sociale in Europa.

Il principale risultato di EUSES è la Dichiarazione di Mannheim sull’economia sociale,che ha individuato la necessità di rafforzare l’economia sociale in Europa. Confluirà nei preparativi del piano d’azione europeo per l’economia sociale. La dichiarazione è rafforzata dal suo approccio partecipativo. La comunità dell’economia sociale è stata invitata a dare forma alla Dichiarazione attraverso un sondaggio sul sito web dell’EUSES.

Le misure raccomandate richiedono sforzi coordinati e un sostegno attivo da parte delle istituzioni europee, dei governi nazionali, regionali e locali, nonché di tutte le parti interessate dell’economia sociale e della società civile.

Vi invitiamo – politici, imprenditori e altri responsabili dell’economia sociale a leggere e firmare la Dichiarazione di Mannheim sull’economia sociale!

Scarica la dichiarazione
Avallare la dichiarazione

1. Quadro giuridico e normativo

La Commissione europea dovrebbe proporre orientamenti dedicati agli Stati membri, che porterebbero a una comprensione comune del concetto di economia sociale, riconoscendo nel contempo le differenze locali che contribuiscono alla sua ricchezza e diversità. Lo sviluppo dell’economia sociale è molto specifico del contesto, modellato da modelli di sviluppo culturali e storici più ampi. Lo sviluppo di adeguati quadri giuridici, normativi e fiscali deve quindi emergere dagli ambienti nazionali e locali in cui operano le imprese e le organizzazioni dell’economia sociale.

2. Visibilità e sensibilizzazione

Attraverso l’iniziativa “Regioni europee dell’economia sociale” (ESER), la Commissione europea sta aumentando la visibilità e la consapevolezza riguardo all’economia sociale e costruendo reti regionali/locali di attori dell’economia sociale. La Commissione europea è invitata a rafforzare questa iniziativa nel quadro del piano d’azione per l’economia sociale proponendo l’adesione di altre regioni, città e comuni interessati.

La ricerca esistente sull’economia sociale dovrebbe essere consolidata e dovrebbero essere sostenute anche nuove ricerche, compresa la raccolta di dati statistici nazionali. La misurazione dell’impatto è necessaria per mostrare il ruolo che le organizzazioni dell’economia sociale e gli imprenditori sociali possono svolgere.

3. Riconoscimento e domanda dei consumatori

Le organizzazioni dell’economia sociale e le imprese sociali hanno bisogno di un maggiore riconoscimento tra i cittadini per il lavoro che fanno e per il loro contributo alla società. Potrebbe essere avviata una riflessione sulle etichette e sulla certificazione per promuovere il riconoscimento di prodotti, servizi e imprese ed evidenziare il ruolo dell’economia sociale nell’affrontare le sfide sociali.

4. Reti
La crisi covid-19 richiede un riequilibrio dell’efficienza e della resilienza in tutta l’economia. L’economia sociale non può fare altro che riparare i problemi sociali. Può portare una trasformazione in un mondo più inclusivo e sostenibile.

Gli attori delle politiche pubbliche a diversi livelli di governance dovrebbero pertanto sviluppare strumenti adeguati, sia dal lato dell’offerta che da quello della domanda, per creare un contesto finanziario favorevole integrato. Tali strumenti dovrebbero essere a disposizione delle imprese e delle organizzazioni durante le loro diverse fasi del ciclo di vita e in tutti i territori dell’UE. Gli Stati membri dovrebbero pertanto anche sfruttare gli strumenti nextgenerationeu per mobilitare investimenti pubblici e privati per stimolare lo sviluppo dell’economia sociale.

5. Collaborazione transfrontaliera europea

La Commissione europea, gli Stati membri, le regioni e gli enti locali dovrebbero promuovere la collaborazione tra le organizzazioni dell’economia sociale e le imprese di tutti i paesi e settori. La Commissione europea e gli Stati membri dovrebbero, ad esempio, continuare a promuovere appalti pubblici socialmente responsabili attraverso la formazione e la condivisione delle migliori pratiche in Europa. Le imprese tradizionali dovrebbero includere anche le imprese sociali nelle loro catene di approvvigionamento. Gli Stati membri potrebbero pertanto fornire incentivi intelligenti per includerli nelle loro catene del valore e sottolineare l’importanza dei potenziali rendimenti reputazionali che tali partenariati devono derivare.

6. Finanza e investimenti

A livello nazionale, regionale e locale, la cooperazione tra gli attori dell’economia sociale dovrebbe essere rafforzata attraverso lo sviluppo delle reti. È importante che le parti interessate di tutti i livelli di governance siano ascoltate nel processo nazionale di elaborazione delle politiche pubbliche. Gli attori dell’economia sociale dovrebbero inoltre creare partenariati con le autorità pubbliche o altri attori privati per scalare l’impatto e testare nuove soluzioni per una transizione verde e digitale. Tuttavia, l’economia sociale dovrebbe integrare l’approccio pubblico nell’affrontare le sfide sociali, ma non sostituirle.

7. Recupero

L’economia sociale è un pioniere nell’identificazione e nell’attuazione dell’innovazione sociale e di modi alternativi di organizzare le attività economiche. Molte di queste innovazioni sono state integrare e adottate dal resto dell’economia (come il commercio equo e solidale e la finanza etica). Le organizzazioni dell’economia sociale possono espandere l’innovazione sociale per affrontare le pressanti sfide ambientali e sociali concentrandosi sull’impatto sociale e lavorando con le parti interessate locali. Sono necessarie misure politiche concrete, sotto forma di quadri giuridici adeguati, incentivi e accesso ai finanziamenti per sostenere queste nuove imprese nello sviluppo della sperimentazione sociale

8. Accesso ai mercati

L’economia sociale è particolarmente attraente per i giovani, creando nuove opportunità di lavoro, ma anche nuove strade per lo sviluppo personale e la creatività. Poche scuole pongono l’accento sui principi dell’economia sociale come l’auto-responsabilità,la democrazia e l’uguaglianza. Questi modelli devono essere insegnati nelle scuole a tutti i livelli (primario, secondario, universitario, professionale) al fine di costruire competenze, rafforzare le competenze e garantire che i giovani siano preparati per le carriere sul campo. La Commissione europea dovrebbe inoltre sostenere il miglioramento delle competenze degli operatori dell’economia sociale in settori quali la digitalizzazione, la governance partecipativa e la transizione verde.

9. Istruzione

L’economia sociale ha svolto un ruolo importante nell’affrontare e mitigare gli impatti a breve e lungo termine della crisi covid-19 sull’economia e sulla società. A breve termine, gli attori dell’economia sociale hanno fornito soluzioni innovative che rafforzano i servizi pubblici e integrano l’azione del governo nell’affrontare la pandemia. A lungo termine, la Commissione dovrebbe creare un ambiente che consenta alle organizzazioni dell’economia sociale e alle imprese sociali di essere un pilastro della nuova Unione europea della sanità, attualmente in fase di sviluppo.

10. Attuazione e proprietà

L’adozione di un quadro coerente e olistico per sostenere l’emergere e il consolidamento dell’economia sociale è essenziale per massimizzare l’impatto sociale ed economico. Le politiche stesse sono molto importanti, ma i processi politici sono altrettanto critici. La Commissione europea, così come i responsabili delle politiche pubbliche a diversi livelli di governance, sono invitati a lavorare in diversi portafogli politici per sviluppare azioni adeguate per promuovere lo sviluppo del settore. La preparazione dell’elaborazione delle politiche pubbliche dovrebbe essere effettuata in stretta cooperazione con gli attori dell’economia sociale per una maggiore coerenza delle politiche e una maggiore efficacia.

Approvare la dichiarazione di Mannheim sull’economia sociale

Cliccando su “Approva”, confermo di essere autorizzato dalla mia città/regione/organizzazione ad avallare questo messaggio.

RIMANI INFORMATO

Iscriviti alla newsletter ufficiale #EUSES e tieniti aggiornato sul programma, i relatori e le sessioni.

Iscriviti alla Newsletter!